SCEGLIERE UN FILM

Aladdin

Aladdin


TITOLO ORIGINALE: Aladdin
REGISTA: Guy Ritchie
SCENEGGIATORE: John August, Guy Ritchie, Vanessa Taylor
PAESE: USA
ANNO: 2019
DURATA: 128'
ATTORI: Will Smith, Mena Massoud, Naomi Scott, Billy Magnussen
SCENE SENSIBILI: nessuno
1 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 5

Aladdin, ladro e straccione, incrocia i suoi passi con quelli della bella principessa Jasmine, che vive chiusa nel suo palazzo e vorrebbe invece conoscere il mondo. Il ragazzo se ne innamora, ma si sente troppo povero e inadeguato per lei. L’occasione per conquistarla arriva quando il malvagio visir Jafar lo ingaggia per procurargli una misteriosa lampada magica da cui spunta un genio capace di esaudire tre desideri…

Il classico Disney alla luce dell’empowerment femminile

Ennesimo remake live-action di un classico Disney del 1992, questa volta affidato alla regia di Guy Ritchie, che ha un solido curriculum in film di azione con una vena di commedia irriverente, ma che qui non brilla particolarmente in una storia che segue abbastanza fedelmente l’originale, salvo l’immancabile (e in questo caso un po’ invadente) spruzzata di empowerment femminista.
Restano le canzoni che conoscevamo dai tempi del cartoon (dalla romantica Il mondo è mio alla scatenata Un amico come me) con qualche aggiunta scritta appositamente per la principessa, che diventa la portavoce delle donne oppresse che non vogliono tacere. La resa italiana dei pezzi musicali, a dire il vero, non è sempre ottimale, non tanto nella scelta degli interpreti, quanto nella mancata corrispondenza con il labiale originale, che potrebbe risultare qualche volta un po’ fastidiosa.

Le nuove vesti dei protagonisti

Il giovane Aladdin, il “diamante grezzo” di cui l’ambizioso visir Jafar si serve per procurarsi la lampada magica, ha comprensibili problemi di autostima causati da un’infanzia difficile tra i vicoli di Agraba e pensa di dover essere un principe per poter conquistare l’amata, mentre Jasmine è cresciuta reclusa tra le mura del palazzo del padre, che teme faccia una brutta fine come sua madre.
Se la Jasmine originale era uno spirito libero che anelava a scoprire il mondo (e infatti Aladdin la conquista più con un giro notturno in tappeto volante che con le ricchezze esibite a corte), qui la principessa ha mire più “politiche” e al passo con i tempi: invece di stare ad aspettare un principe da sposare vuole diventare lei il sultano e cambiare il destino del suo popolo, arginando le mire espansionistiche e militaresche di Jafar e incentivando le politiche sociali in omaggio all’eredità materna.
Non c’è niente di male, ovviamente, nel voler aggiornare una storia dopo quasi trent’anni, se non si avesse l’impressione di un messaggio martellato più che suggerito, che anziché integrare la storia originale la ingessa, ingabbiandola in una morale preordinata.
Funziona meglio, anche se non è sviluppato a dovere, l’accostamento tra Aladdin e il cattivo Jafar, lui pure uomo par- tito dal basso, divorato dall’ambizione e dal non volersi mai sentire secondo, incapace di capire la semplice verità che nessuna ricchezza al mondo potrà placare la sua sete di riconoscimento. Una lezione che Aladdin, imbranato e insicuro con la ragazza che ama quanto spudorato e impudente nella sua attività ladresca, impara invece dall’amicizia con il genio (in questa nuova versione interpretato da Will Smith, che trova una chiave convincente rispetto all’indimenticabile Robin Williams che gli dava la voce nel cartoon).

Quando Bollywood si incontra con la CGI di Hollywood

Se l’estetica del film, a tutti gli effetti un musical, rimanda a quella dei film di Bollywood, convince meno, visto il livello tecnico a cui ormai hanno abituato gli ultimi adattamenti Disney, la CGI, meglio impiegata nella zona della grotta del- la lampada che per le strade e nel palazzo di Agraba.
La mano del regista si sente probabilmente meno di quanto si sarebbe auspicato, ma questa forse è la condanna degli autori che decidono di prestare il loro talento alla multinazionale di Topolino, che, soprattutto in questi remake live-action, sembra decisa più a giocare sul sicuro con gioielli di famiglia (ripuliti e aggiornati a un’agenda mainstream vagamente liberal che rischia di risultare un po’ moralista) che a creare un canone alternativo per le nuove generazioni.

Laura Cotta Ramosino

Tag:, , , , , , ,