SCEGLIERE UN FILM

Cena con delitto

Cena con delitto


TITOLO ORIGINALE: Knives Out
REGISTA: Rian Johnson
SCENEGGIATORE: Rian Johnson
PAESE: Usa
ANNO: 2019
DURATA: 130'
ATTORI: Daniel Craig, Chris Evans, Ana de Armas, Jamie Lee Curtis e Christopher Plummer
SCENE SENSIBILI: nessuna
1 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 5

Harlan Thrombey, scrittore di gialli di fama internazionale, è morto. Si è suicidato la sera del suo 85esimo compleanno, dopo aver festeggiato con la sua famiglia. Il caso sembra pronto per essere archiviato, ma quando il detective privato Benoît Blanc viene ingaggiato da un cliente anonimo per investigare più a fondo sulla morte del milionario, le carte in gioco sembrano rimescolarsi. Blanc ripercorre i fatti con i parenti del suicida: i due figli con i rispettivi coniugi, la nuora vedova, e i tre nipoti. Nonostante la dinamica della morte sembri chiara – l’anziano scrittore si è reciso la gola con un pugnale – interrogando i membri della famiglia emergono diversi possibili moventi e sembra che tutti abbiano qualcosa da nascondere. Nel cercare la verità, Blanc chiede e ottiene l’aiuto di Marta, la giovane infermiera latino-americana che curava la salute di Thrombey, e che possiede una caratteristica tanto unica quanto bizzarra: di fronte a una menzogna, viene scossa dai conati…

Un “murder-mystery” in veste pop e contemporaneo

In mezzo a tanti film thriller, sci-fi, e horror vecchi e nuovi, lo sceneggiatore Rian Johnson (qui anche alla regia) nel 2019 ha riportato sul grande schermo un genere che fatica a trovare spazio tra le nuove proposte: il giallo. Per di più, lo ha fatto non con un reboot in stile Assassinio sull’Orient Express, ma con una sceneggiatura originale.
Cena con delitto è un “murder-mistery” alla vecchia maniera che trova, grazie a una buona penna e a un cast d’eccezione, una nuova veste pop e contemporanea. I riferimenti ai grandi maestri del passato – Agatha Christie su tutti – sono chiari, così come precisa è la volontà di equilibrare la tensione del giallo con un tono a metà tra l’ironico e il farsesco. Come afferma uno degli stessi personaggi della storia, l’inquietante villa dove lo scrittore milionario si è tolto la vita “sembra la casa del Cluedo” e l’investigatore Benoît Blanc vi si muove come un novello Hercule Poirot. Nei panni di un detective privato più sveglio di quanto possa sembrare c’è, però, un Daniel Craig che parrebbe più a suo agio nei panni di James Bond.

Un omaggio ben riuscito ad Agata Christie

Tutti i personaggi vengono proposti in chiave quasi caricaturale, ma questa scelta (rischiosa) riesce a sposarsi efficacemente con la tensione narrativa che continua a tener viva nello spettatore la fatidica domanda del “chi è stato?”. Una tensione che regge, pur senza grandi picchi di emozione, ben due ore di film, che scorrono piacevolmente senza che si avverta alcuna lentezza. Solo il doppiaggio italiano fa storcere un poco il naso, poiché – per rendere gli accenti e le inflessioni dell’originale – nel dar voce ad alcuni personaggi suona al limite del macchiettistico; per fortuna, evitando danni irreparabili.
Senza avere la pretesa di proporre chissà quali approfondimenti psicologici sui personaggi o linee temporali complesse, Cena con delitto si difende benissimo come film di genere e, preferendo non mostrare scene di violenza esplicita, ha tutte le carte in regola per risultare godibile ad un pubblico molto ampio.

Scegliere un film 2020

Tag:, , ,