SCEGLIERE UN FILM

Don’t Look Up


TITOLO ORIGINALE: Don't Look Up
REGISTA: Adam McKay
SCENEGGIATORE: Adam McKay
PAESE: USA
ANNO: 2021
DURATA: 138'
ATTORI: Leonardo Di Caprio, Jennifer Lawrence, Rob Morgan, Meryl Streep e Cate Blanchett
SCENE SENSIBILI: alcune scene sensuali e una scena di nudo
1 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 5

Due scienziati scoprono una cometa che sta per abbattersi sulla terra con effetti devastanti e avvertono immediatamente le autorità. Purtroppo l’allarme rischia di rimanere inascoltato perché il presidente degli Stati Uniti è troppo impegnato nell’imminente campagna elettorale.

Umorismo e critica sociale

Come reagirebbe il mondo alla notizia che tutto sta per finire? Diventeremmo tutti più buoni o ancora più cattivi di quanto non siamo già?
Questa è la posta in gioco del film, condita con una buona dose di umorismo misto a critica sociale nei confronti di un potere sempre più concentrato su sé stesso piuttosto che sul bene comune.
I due protagonisti sono un po’ degli stereotipi: giovane fanatica ambientalista lei, brillante scienziato senza successo lui. Così come il presidente donna, spietata e senza scrupoli, che continua a perseguire il potere a tutti i costi, a discapito dell’intera umanità.
Qualcuno sarà disponibile a dare ascolto alla verità scientifica? O è meglio metterla a tacere perché non fa altro che diffondere un panico del tutto ingiustificato? Ma è poi vera, questa presunta verità? O gli studiosi corrotti si divertono a far sentire la loro voce solo per acquisire notorietà?
Vivere o morire? Guardare in alto o guardare in basso? Libertà o asservimento al potere dominante?
Ciascuno è chiamato a dare una risposta a queste infinite domande. Dove? Sui social naturalmente! Arena comune dove tutti si ritrovano a giocare, nell’illusione che il parere del singolo sia davvero importante per qualcuno.
Ha quindi inizio una battaglia all’ultima visualizzazione. Commenti dopo commenti si scontrano a suon di indici di gradimento: chi ha gli occhi puntati verso il cielo, credendo alla catastrofe imminente, e chi invece sta con i piedi per terra e decide di non guardare in alto, continuando la propria routine come se niente fosse.
Anche la televisione non è da meno, i due astrofisici sono ormai diventati un fenomeno, si può dire, da baraccone, perché quasi a nessuno interessa realmente ciò che dicono, tutti badano piuttosto all’outfit o alle reazioni istintive, che subito finiscono bersaglio di impietosi meme.

Quando la fine sta per arrivare

Sull’orlo dell’estinzione della specie, che posto occupano le relazioni umane?
Rimangono sullo sfondo, almeno fino a pochi minuti prima della catastrofe.
Quando ormai tutto sembra perduto, ecco che finalmente il valore profondo degli affetti per qualcuno ritorna al centro, mentre i rapporti fondati esclusivamente sull’interesse svelano la loro profonda falsità, in un epilogo ironico quanto raccapricciante.
È incredibile come in ogni caso, da una parte e dall’altra della barricata, lo spazio per ciò che conta è davvero relegato agli ultimi drammatici istanti prima della fine.
Strizzando l’occhio al dibattito ambientalista, Don’t Look Up vuole provocare utilizzando l’ironia come strumento per fare riflettere e, anche se tende alla caricatura ed è ben lontano da intavolare una discussione profonda e che vada al di là di una satira di presa abbastanza immediata, si presta a numerosi spunti di riflessione.

Ilaria Giudici

Tag:, , ,