SCEGLIERE UN FILM

Ella e John – The Leisure Seeker


TITOLO ORIGINALE: The Leisure Seeker
REGISTA: Paolo Virzì
SCENEGGIATORE: Stephen Amidon, Francesca Archibugi, Paolo Virzì e Francesco Piccolo, dal romanzo di Michael Zadoorian
PAESE: Italia, Francia
ANNO: 2017
DURATA: 112'
ATTORI: Helen Mirren, Donald Sutherland, Christian McKay, Janel Moloney, Dana Ivey, Dick Gregory
SCENE SENSIBILI: una scena a contenuto sessuale
1 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 5

Ella e John, ultrasettantenni, si stanno avvicinando al capolinea della loro vita trascorsa insieme: lei è malata di tumore, lui di Alzheimer. Quando ormai sembra che ad aspettarli non ci sia più nessuna sorpresa, sfuggono dal controllo dei figli e dei medici per regalarsi un’ultima vacanza a bordo del camper di famiglia, il Leisure Seeker.

Il mondo paradossale degli anziani e il tentativo di riappropriarsi della vita

Paolo Virzì sbarca negli USA per dirigere il suo primo film interamente in lingua inglese; un’impresa resa ancora più ambiziosa dalla sua decisione di cimentarsi nel più americano dei generi, il road movie, attraverso l’adattamento del romanzo In viaggio contromano di Michael Zadoorian.
Quale sia il tema specifico di questo on the road, che ci accompagna da Boston fino all’estremità della Florida, è evidente fin dalle primissime scene: raccontare il mondo paradossale degli anziani, a cui per mettersi in viaggio serve la stessa dose di imprudenza di un adolescente in fuga. Ella e John, infatti, sono stati adulti responsabili e genitori amorevoli, ma da troppo tempo ormai, a causa delle rispettive malattie, sono stati privati di ogni libertà di scelta e ridotti a oggetto di cura da parte dei figli e dei medici. Rimettersi a bordo del Leisure Seeker (un camper vecchio e scassato quanto loro, ma altrettanto sorprendentemente in grado di funzionare) rappresenta un estremo tentativo di godersi quel che rimane della vita e riappropriarsi di un passato che, soprattutto nella mente di John, tende inesorabilmente a svanire.

L’ironia dolceamara di Virzì unita alla bravura di Sutherland e Mirren

Non a caso la strada che scelgono di percorrere è quella delle loro vacanze familiari, ma l’obiettivo finale si trova un po’ più lontano di quanto non abbiano mai osato spingersi. Vogliono infatti arrivare fino all’isola di Key West per visitare la casa di Hemingway, lo scrittore amato e citato continuamente da John (forse perché anche lui e la moglie sembrano personaggi usciti dalle pagine de Il vecchio e il mare, nel loro particolare modo di essere sconfitti ma mai rassegnati).
Nonostante l’inizio intrigante, la parte centrale del film tende ad essere un po’ episodica e slegata: tante piccole storie che si salvano dalla ripetitività solo grazie all’inconfondibile ironia dolceamara di Virzì e all’eccezionale bravura dei due protagonisti, Helen Mirren e Donald Sutherland, che riescono a dar vita a personaggi a tutto tondo, convincenti nei momenti di intimità come negli scoppi di rabbia.
John, professore e intellettuale, sta perdendo la testa, mentre la vitalità di Ella è minata da continui dolori. Ancora più di quanto non abbiano fatto nel corso della loro vita, sono costretti ad appoggiarsi l’uno all’altra per compensare le proprie debolezze, ma soprattutto hanno entrambi bisogno del compagno per essere salvati dal peggiore dei mali, il non-luogo per eccellenza: l’ospizio/ospedale, dove gli ultimi anni di vita dei vecchi vengono nascosti agli occhi della società efficiente e indaffarata.

Un “lieto fine ” che non convince

Questa fuga dall’ospedalizzazione accomuna Ella e John con l’opera precedente di Virzì, La Pazza Gioia, ma non riesce ad eguagliarne il livello: nel complesso questo film appare meno compatto e convincente, soprattutto nel finale. Senza voler rivelare troppo, diciamo solo che quello che Ella chiama “il loro lieto fine” risulta più che altro un cedimento alla moda degli ultimi anni di un certo cinema d’autore: è allo stesso tempo una soluzione narrativamente prevedibile (almeno nella seconda metà del film) e umanamente incompleta, in quanto non fa che lasciare una profonda perplessità sul mistero del dolore e della morte.
Ma come in ogni vero road movie, non è la meta ad essere importante (la casa di Hemingway si rivelerà buona solo per i turisti), ma è il viaggio che regala alla coppia pezzi di Paradiso. Basti pensare alla bellissima scena sula spiaggia o all’incredibile strada in mezzo al mare che collega le numerose isole e che, solo dopo Key West, lascia definitivamente spazio all’oceano.

Scegliere un film 2018

Tag:, , , , , ,