SCEGLIERE UN FILM

Gli occhi di Tammy Faye

Gli occhi di Tammy Faye


TITOLO ORIGINALE: The Eyes of Tammy Faye
REGISTA: Micheal Showalter
SCENEGGIATORE: Abe Sylvia
PAESE: USA
ANNO: 2021
DURATA: 126'
ATTORI: Jessica Chastain, Andrew Garfield, Vincent D’Onofrio
SCENE SENSIBILI: una breve scena sensuale
1 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 5

Ascesa e caduta di Tammy Faye, la televangelista più famosa d’America, che insieme al marito Jim Bakker ha portato per decenni l’evangelismo nelle case degli americani attraverso spettacoli di pupazzi, canzoni e varietà. La crisi del loro matrimonio e i tanti eccessi metteranno a dura prova la loro credibilità e, soprattutto, la loro fede.

La riabilitazione di una diva

Non è la prima volta che alla dibattuta figura di Tammy Faye viene tolta la polvere per riposizionare l’opinione nei suoi confronti. Già nel 2000 il documentario di Fenton Bailey e Randy Barbato, aperti sostenitori della comunità LGBTQ+, si incentrò sulla figura della appassionata cristiana, che nel 1985 aveva intervistato in diretta un pastore gay malato di AIDS nel suo programma tv Tammy’s House Party.
I due registi del documentario sono stati coinvolti nella produzione del film, a capo della quale c’è tra gli altri l’attrice protagonista Jessica Chastain, fervente femminista che ha saputo dare con la sua interpretazione, premiata con l’Oscar, una rinnovata dignità all’immagine di Tammy. Immagine che la Faye ha sempre curato fino all’esagerazione: avrebbe pertanto apprezzato la Chastain nei suoi sfarzosi panni se non fosse prematuramente scomparsa nel 2007 a causa di una malattia.

Non è finita finché non è finita!

La storia racconta con una fedeltà al limite del filologico la vita di Tammy Faye, dalle sue origini povere e segnate dal divorzio dei genitori, con la madre che non dà mai alla piccola Tammy l’amore che desidera. Per questo la Faye bambina si aggrappa alla fede, affidandosi a Dio per ricevere e dare amore a ogni persona.
Questa sua preghiera non solo si avvererà, ma diventerà la sua professione, quando grazie all’incontro del giovane predicatore Jim Bakker inizia a girare per l’America a evangelizzare, finché i due novelli sposi non raggiungono l’attenzione della tv. Inizia così la loro ascesa, dai sermoni ai programmi di cucina, per entrare nelle case degli americani con la rassicurante voce di Jim e la sprizzante gioia di Tammy. Il tutto, giurano, per portare l’amore di Dio, ma ben presto la loro influenza risulterà utile alle elezioni di Reagan e a disegni più grandi di loro. Il successo e i soldi, che non sanno “nemmeno da dove arrivano”, inquineranno il loro rapporto, fino ai reciproci tradimenti e al divorzio nel 1992, quando Jim è già in galera per bancarotta fraudolenta e Tammy una ex diva ormai attempata.
Ciononostante, la Faye non demorde, e se non si lascia andare del tutto è grazie alla sua fede, che rimane immacolata nonostante tutto. Una Giobbe al contrario, che mette a prova il suo rapporto con Dio a causa dei propri eccessi e vizi, ma che non vi rinuncia e per questo si salva.
“Non è finita finché non è finita!” è l’ultima battuta di Tammy Faye alla fine del film: una frase che forse non corrisponde a un preciso versetto nella Bibbia, ma rappresenta la forza di questa donna e la sua pervicace fede nell’amore di Dio verso tutti i suoi figli, oltre ai giochi di potere e alla convenienza.

Claudio F. Benedetti

Tag:, , ,