SCEGLIERE UN FILM

Il giorno più bello


TITOLO ORIGINALE: Il giorno più bello
REGISTA: Andrea Zalone
SCENEGGIATORE: Fabio Bonifacci e Andrea Zalone
PAESE: Italia
ANNO: 2022
DURATA: 90'
ATTORI: Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu, Violante Placido, Carlo Buccirosso e Stefano de Martino
SCENE SENSIBILI: linguaggio scurrile, consumo di stupefacenti, scene di violenza nei limiti del genere.
1 vote, average: 2,00 out of 51 vote, average: 2,00 out of 51 vote, average: 2,00 out of 51 vote, average: 2,00 out of 51 vote, average: 2,00 out of 5

Aurelio ha ereditato “Il giorno più bello”, la wedding agency fondata dal padre. Dopo il crollo del settore, causato dal Covid, oggi Aurelio, divorziato e in crisi, è deciso a vendere l’azienda per solcare l’oceano con il suo nuovo amore, una delle sue collaboratrici, che però è sposata con il suo migliore amico.

Una commedia italiana

Il giorno più bello è l’esordio cinematografico di Andrea Zalone, autore e spalla comica di Crozza. Il regista e sceneggiatore porta nelle sale il remake di un grande successo francese del 2017: C’est la vie – Prendila come viene. Non è la prima volta che l’Italia prende in prestito una creazione dal Paese dei Lumi, pensiamo a Benvenuti al Sud, adattamento di Giù al Nord di Dany Boon, che, con la sua comicità basata sulle differenze socio culturali del Paese, ha conquistato il favore del grande pubblico. Le premesse sembrano dunque esserci tutte: lo spettatore prima di entrare in sala è già predisposto alla risata e a lasciarsi allietare dalla comicità tipica italiana. Eppure, una volta che la pellicola inizia a girare, qualcosa si inceppa. Aurelio (Paolo Kessisoglu) ha realizzato il suo sogno di bambino: ha ereditato l’attività di wedding planner del padre per regalare la felicità, ma ora vuole cambiare vita. Divorziato, vuole vendere l’agenzia per solcare il mare su una barca con una delle sue collaboratrici, che tra l’altro è sposata con il suo migliore amico (Luca Bizzarri). Benissimo, ma non è chiaro perché lo faccia: non perché sia un desiderio di lei né perché lo voglia lui… Da questo incipit immotivato prende avvio una vicenda che prosegue accumulando incidenti di percorso, complicazioni e gag, per lo più riprese dal film francese. Ancora una volta si va a puntare sugli stereotipi, come se il matrimonio fosse solo la festa, gli invitati, la musica, il fotografo e il lauto banchetto. Non è chiaro cosa voglia lasciare questo film se non forse l’idea che l’amicizia vale più dell’amore. Nota di merito è la citazione del Covid e di tutte le conseguenze che ha causato al settore dedicato agli eventi, cosa che, benché lodevole, frena un po’ la risata.

I volti noti

Specchietto per le allodole sono i nomi del mondo dello spettacolo del nostro Paese. Molte prime volte in questa pellicola: come quella di Stefano de Martino, ballerino e conduttore nato sotto la stella di Maria de Filippi, che interpreta uno sposo decisamente più innamorato della madre che della futura moglie. Una bella interpretazione quella del frontman dello Stato Sociale, che con ironia dà voce a un cantante frustrato con una performance convincente. Ci si chiede il perché dell’introduzione di certi personaggi davvero troppo stereotipati: dalla macchietta Amaranta, coreografa sopra le righe, al figlio del fotografo, con le cuffie, il cappuccio in testa, prototipo dell’adolescente arrabbiato, dalla laureata in psicologia che lava le padelle, alla madre innamorata del figlio… Verità del nostro Paese, sicuramente, ma che forse hanno bisogno di più di qualche sketch per raccontare la loro storia. C’è dunque un retrogusto amaro in questo film: le storie dei dipendenti pagati in nero, degli insuccessi, delle frustrazioni, in cui i soldi possono comprare tutto anche se non li hai (Aurelio offre banconote a chiunque per risolvere le situazioni, eppure è in bancarotta!). Sono Carlo Buccirosso e Violante Placido a dare ritmo a un film altrimenti piatto, che ha deciso di lasciare più spazio a una denuncia sociale mal riuscita e a un triangolo amoroso in cui nessuno vince, piuttosto che alla comicità, quella vera e fresca che aveva l’originale.
In conclusione, Il giorno più bello è un film che si lascia vedere, adatto a una serata sul divano senza pretese.

Chiara Comotti

Tag:, , ,