SCEGLIERE UN FILM

L’altra metà della storia


TITOLO ORIGINALE: The Sense of an Ending
REGISTA: Ritesh Batra
SCENEGGIATORE: Nick Payne
PAESE: UK
ANNO: 2017
DURATA: 108'
ATTORI: Jim Broadbent, Charlotte Rampling, Emily Mortimer, Michelle Dockery, Joe Alwyn e Billy Howle
SCENE SENSIBILI: brevi scene a contenuto sessuale
1 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 5

In un giorno che sembra uguale a tutti gli altri, Tony Webster, settantenne divorziato che gestisce un negozio di macchine fotografiche, riceve una lettera inaspettata. Sara, la madre di Veronica, la sua fidanzata agli inizi del college, gli ha infatti lasciato in eredità un diario che nasconde una verità sul passato che Tony non conosce. Ha così inizio un viaggio nei suoi ricordi, tra memoria e ricostruzione, per provare a scoprire l’altra metà della storia.

La nostra vita non è la nostra vita, ma è solo ciò che ne raccontiamo

Come dice esplicitamente il protagonista, Tony, “la nostra vita non è la nostra vita, ma è solo ciò che ne raccontiamo”: si potrebbe sintetizzare così il film L’altra metà della storia, tratto dal romanzo The Sense of an Ending di Julian Barnes. Dal momento in cui Tony riceve la lettera di Sara, infatti, lo spettatore viene trasportato nei suoi ricordi, dove un giovane Tony pieno di sogni e di aspettative incontra Veronica, una ragazza bellissima e misteriosa che gli fa perdere la testa.
La prima metà del film risente di una certa lentezza e di alcune parti confuse, anche a causa dell’alternanza tra presente e passato in flashback che – come i ricordi di Tony – sono inizialmente frammentari e incompleti e che vanno via via prendendo forma. La seconda parte del film, invece, ha maggiore ritmo, e non solo per un’accelerazione nella scrittura, ma anche e soprattutto perché entra in scena, nel presente, Veronica e, con lei, l’altra metà della storia. Il puzzle che finora ci ha mostrato Tony si arricchisce di nuovi pezzi che possono finalmente dare vita all’immagine di un passato che nasconde un segreto.

Un film sulla possibilità di ricominciare

L’altra metà della storia è un film dall’atmosfera malinconica, che insiste molto sulla nostalgia di un passato che a volte si tende a considerare migliore del presente. Ma, allo stesso tempo, è un film sulla possibilità di ricominciare. Questo viene incarnato perfettamente nel personaggio di Tony, che viene presentato come un uomo ormai abituato al suo stile di vita. Ogni mattina si alza alla stessa ora, fa colazione nello stesso modo, lavora nello stesso negozio (dove sono esposte sempre le stesse macchine fotografiche, visto che ormai il mondo moderno le definisce da collezione e nessuno più le compra). Grazie alla lettera che riceve, però, Tony ritrova la vivacità di un tempo. Ricordando e cominciando a riscostruire la propria vita, infatti, Tony impara a riconoscerne di nuovo la bellezza, a coltivare rapporti che credeva ormai perduti (come quello con la ex moglie o quello con la figlia, che aspetta un bambino avuto tramite inseminazione artificiale) e, soprattutto, Tony scopre che non è mai troppo tardi per rimediare agli errori del passato perché – e questo sembra essere in estrema sintesi tutto il significato del film – qualunque sia la storia che finora ci siamo raccontati, non è mai troppo tardi per cambiare.

Scegliere un film 2018

Tag:, ,