SCEGLIERE UN FILM

Luca


TITOLO ORIGINALE: Luca
REGISTA: Enrico Casarosa
SCENEGGIATORE: Jesse Andrews e Mike Jones
PAESE: USA
ANNO: 2021
DURATA: 95'
ATTORI: con le voci italiane di Alberto Vannini, Luca Tesei, Luca Argentero, Orietta Berti, Marina Massironi, Luciana Litizzetto; in originale Jacob Tremblay, Jack Dylan Grazer, Emma Berman, Maya Rudolph, Marco Barricelli
SCENE SENSIBILI: nessuna
1 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 5

Luca è un giovane mostro marino che vive nel mar Ligure insieme ai genitori. Spinto da un grande spirito di avventura, decide di salire in superficie e di avvicinarsi al mondo degli umani insieme all’amico Alberto.

Silenzio Bruno

Luca è un mostro marino preadolescente che pascola triglie e abita a casa con dei genitori apprensivi e una nonna dall’aria misteriosa. Quando ritrova sul fondale alcuni resti di un peschereccio, viene acceso dalla curiosità di scoprire cosa ci sia lassù.
Inutile dire che i genitori non fanno altro che metterlo in guardia sui pericoli a cui andrebbe incontro in superficie, venendo a contatto con gli esseri umani.
Grazie ad Alberto, un ragazzo rimasto solo su un’isola in mezzo al mare, Luca trova il coraggio di disubbidire ai suoi e lanciarsi finalmente alla scoperta del mondo.
“Silenzio Bruno” è una delle prime cose che Alberto insegna a Luca, ovvero: come mettere a tacere la propria coscienza per compiere imprese davvero avventurose (e soprattutto pericolose).
Attirato dalla terra emersa come la Sirenetta, Luca si trova addosso la stessa ingenuità di Pinocchio (fiaba che viene anche citata in un’immagine del film) e nell’incontro con Alberto/Lucignolo si spingerà verso l’ignoto. Alberto tuttavia è una figura molto più complessa del Lucignolo collodiano e insieme all’amore per le marachelle, le bugie e il rifiuto dell’autorità, riesce ad insegnare a Luca anche il valore della vera amicizia.
I due ragazzi hanno in comune la passione per la Vespa, che per entrambi è l’immagine della libertà e dell’indipendenza che ogni preadolescente vorrebbe velocemente conquistare senza alcuna fatica. Presto però si renderanno conto che per raggiungere l’obiettivo saranno costretti a lavorare sodo, partecipando alla Porto Rosso Cup, una competizione locale. Dovranno impegnarsi, imparando ad andare in bicicletta, a mangiare con la forchetta, e a fare gioco di squadra: perché crescere significa anche riuscire a gestire le relazioni con gli altri.

Crescere è bello

Mentre ad Alberto basta la conoscenza limitata del mondo che ha raggiunto con le proprie forze, Luca vuole spingersi ancora più in là, verso i territori sconfinati del sapere.
Quando incontreranno Giulia, una ragazza di città che si trova a Porto Rosso per la stagione estiva, ai due si presentano le opportunità tanto attese.
Insieme a Giulia potranno finalmente “formare” una squadra per la gara, anche se gli resta tutta la fatica di “essere” una squadra. Luca inoltre, guardando la notte stellata, comincerà a farsi numerose domande sull’universo e, grazie a Giulia, si appassionerà ai libri, fino a desiderare di frequentare la scuola.
Alberto inizialmente è geloso: ha appena trovato un amico che già gli viene portato via. Essendo stato abbandonato dal padre porta con sé una ferita profonda, che Luca naturalmente non può capire: i suoi amorevoli genitori non fanno altro che cercarlo in lungo e in largo.
Eppure anche gli adulti sullo sfondo hanno la lor importante funzione. Luca non sarebbe così spinto verso il futuro se non fosse stato così amato. I genitori devono solo rendersi conto che ormai è ora di lasciarlo andare per la sua strada. Potranno staccarsi da lui solo quando lo vedranno cresciuto, in grado di prendersi le proprie responsabilità.
Alberto invece non ha ancora la forza di partire, gli serve una stabilità, un amore che ancora non ha mai conosciuto. Per questo il suo posto resta accanto al padre di Giulia, un pescatore burbero e taciturno, ma capace di donare l’affetto e l’insegnamento pratico di cui il ragazzo ha bisogno.
L’animazione Pixar come al solito è di grande qualità, e i paesaggi liguri, ispirati alle Cinque Terre e alla riviera di Levante, sono incantevoli. Ispirato liberamente a una storia vera di amicizia del regista italiano Enrico Casarosa, Luca è una dolce storia di formazione dai tratti nostalgici che, con ironia e semplicità, riesce a trasmettere valori fondamentali come l’amicizia e l’importanza della famiglia.

Ilaria Giudici

Tag:, ,