SCEGLIERE UN FILM

Modalità aereo


TITOLO ORIGINALE: Modalità aereo
REGISTA: Fausto Brizzi
SCENEGGIATORE: Fausto Brizzi, Paolo Ruffini, Herbert Simone Paragnani
PAESE: Italia
ANNO: 2018
DURATA: 100'
ATTORI: Paolo Ruffini, Lillo, Violante Placido, Dino Abbrescia, Caterina Guzzanti
SCENE SENSIBILI: riferimenti sessuali, alcune scene volgari
1 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 5

Diego è un imprenditore ricco e famoso, ha ereditato una prestigiosa azienda vinicola, ma è scorbutico e poco disponibile verso il prossimo, soprattutto se di classe sociale inferiore. Un giorno, prima di partire per Sidney, si scontra, nel bagno dell’aeroporto, con Ivano e un suo collega, addetti alle pulizie. Prima di congedarsi, Diego, per ripicca, manda un messaggio al responsabile dell’aeroporto per far licenziare i due. Ma poi dimentica lo smartphone ed è proprio Ivano a ritrovarlo e a decidere di sfruttare le ventiquattro ore di volo di Diego per entrare nella sua vita, grazie ai contatti nella memoria del telefono. Questa intrusione sarà per entrambi occasione di cambiamento e uno sguardo diverso sulla realtà e sulle persone permetterà a Diego di trovare nuove amicizie.

Uno scambio di vite

L’idea di partenza di Modalità aereo, un incidente che porta ad uno “scambio di vite” tra persone di estrazione sociale diversa, non è nuova al genere della commedia ma sempre strumento efficace per produrre uno scontro di mondi diversi, con conseguente racconto di gag ed equivoci portatori di risate. In questo senso, la commedia di Brizzi si muove in maniera apprezzabile senza raggiungere in realtà veri picchi di comicità.
A rappresentare un elemento di originalità è invece il fatto che l’intrusione in una vita diversa avvenga attraverso uno smartphone, uno strumento che è ormai diventato essenziale per le persone, in cui si raccolgono tutti i nostri contatti e senza il quale ci si sente persi.
E così Ivano, un addetto alle pulizie dell’aeroporto, non troppo avvenente e in crisi con la moglie, con la quale non riesce ad avere figli, entra nella vita brillante di Diego, fatta di feste e di persone famose, con un’azienda ricca, i cui prodotti hanno però ormai perso la qualità di un tempo, e di un figlio, un bambino che non vede mai il padre e con il quale Ivano trova il modo di legare, proprio attraverso lo smartphone di Diego. E grazie a questa intrusione entra in rapporto, inizialmente conflittuale, con l’imprenditore e lo aiuta persino ad affrontare rivali che vogliono portargli via l’azienda.
Diego imparerà ad essere più rispettoso e generoso nei confronti di persone meno fortunate di lui, ma avrà soprattutto l’occasione di recuperare un rapporto più vero sia con il figlio sia nei confronti del lavoro, per riportare l’azienda alla gloria del passato. Ma tutto questo diventa possibile solo quando si libera dalla schiavitù dello smartphone e inizia ad apprezzare il tempo passato in famiglia e con gli amici, con il telefono in “modalità aereo”.

Buoni valori e la leggerezza della commedia

L’arco del racconto della commedia in buona sostanza funziona, con un percorso lineare, senza particolari colpi di scena, con qualche svolta forse un po’ frettolosa (come il fatto che, grazie ai soldi di Diego, Ivano e la moglie potranno provare delle costose cure per la fertilità, risolvendo così il rapporto tra i due in maniera un po’ facile).
Risulta però interessante e attuale la tematica: in un mondo dove lo smartphone ci ha condizionato a tal punto da non poter più vivere senza, tanto da avergli delegato tutti nostri contatti e i nostri segreti, si richiama ad abbandonare l’apparenza e i fasti di un mondo virtuale e tornare a rapporti più genuini e “faccia a faccia”, sconnettendosi ogni tanto dalla rete per imparare di nuovo a connettersi con la realtà. È questo l’unico modo per cambiare davvero e avere un’apertura sincera nel rapporto con i propri cari e nel confronto con gli altri.
Modalità aereo cerca di trasmettere buoni valori senza abbandonare la leggerezza della commedia, servendosi di tanto in tanto di qualche gag un po’ troppo volgare e probabilmente non necessaria, e risulta un film tutto sommato godibile.

Scegliere un film 2019

Tag:, , ,