SCEGLIERE UN FILM

Red Notice

Red Notice


TITOLO ORIGINALE: Red Notice
REGISTA: Rawson Marshall Thurber
SCENEGGIATORE: Rawson Marshall Thurber
PAESE: USA
ANNO: 2021
DURATA: 118'
ATTORI: Dwayne Johnson, Ryan Reynolds, Gal Gadot, Ritu Arya, Chris Diamantopoulos
SCENE SENSIBILI: nessuna
1 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 51 vote, average: 4,00 out of 5

Marco Antonio donò a Cleopatra tre uova d’oro come regalo di nozze. Perdute nel tempo, solo due uova sono state ritrovate, e nessuno sa dove sia nascosto il terzo. Una delle uova è conservata a Castel Sant’Angelo a Roma. L’agente speciale John Hartley collabora con l’Interpol per impedire al noto ladro l’arte Nolan Booth di rubarlo. Hartley arresta Booth, ma dell’uovo non c’è traccia, rubato ancora da Sarah Black, la principale competitor di Booth. Hartley viene incastrato e dunque arrestato assieme a Booth. Chiusi in una remota prigione russa, Hartley e Booth decideranno di fare squadra: il ritrovamento dell’uovo e la sconfitta di Black sono necessari per redimere Hartley agli occhi dell’Interpol. Dovranno prima evadere, e poi anticipare Black nel furto del secondo uovo, conservato nella collezione privata del vanitoso criminale Sotto Voce. La caccia alle tre uova ha inizio: sapranno collaborare la guardia e il ladro?

Senza infamia e qualche lode

Red Notice è una piacevole e scanzonata commediola d’azione prodotta da Netflix. A garante del successo di genere, abbiamo il casting di Dwayne Johnson nel ruolo dell’agente speciale Hartley – poco credibile ma sempre amabile – e quello di Reynolds per vestire i panni del sarcastico e immaturo ladro Booth. Entrambi attori noti per il cinema spaccone e di commedia, sono affiancati dalla affascinante Gal Gadot, ormai punta di diamante dell’eroismo al femminile a partire da Wonder Woman.
Il film è una buddy comedy che mescola vari generi: heist, spionaggio, fughe dal carcere, e un pizzico di Indiana Jones nel suo terzo atto. Il focus sta nell’accoppiata di Johnson e Reynolds, il poliziotto e il ladro, i muscoli e la bocca, il saggio e il furbo. E nella contrapposizione con la letale Gal Gadot, femme fatale del racconto, che non a caso troneggia al centro del poster del film.
La storia non è originale ma non ha nemmeno la pretesa di esserlo. Si muove a passo di danza tra i cliché e i luoghi comuni dei molti generi sopra citati, e al film va riconosciuto il talento di non sbagliare il colpo e non perdere il ritmo. Diversamente dall’opinione comune, essere tradizionali è assai più arduo che non tentare l’originalità.

Fidarsi è meglio

Ma il centro della storia – se le si vuole riconoscere un valore un poco più significativo – è certamente il rapporto tra Hartley e Booth. Simpatico, irriverente, sa strappare di sicuro qualche sorriso, sia nei dialoghi pungenti, sia nell’azione a tratti slapstick. Ma anche la commedia nasconde una dinamica umana, non ambiziosa ma non per questo sciocca.
Il tema in gioco infatti è quello della fiducia. Il ladro Booth – a conti fatti il vero protagonista del film – deve affrontare il fantasma di suo padre, a sua volta ladro prima di lui, e scoprire cosa significa avere un partner e avere a cuore il benessere di qualcuno che non sia se stesso.
Ultimo ma non ultimo, un colpo di scena alla fine. In parte inaspettato, in parte nulla di nuovo. Un’altra soluzione da programma che aiuta il film a concludersi con gusto senza morire nell’ovvietà. A tratti forse dispiace perché pur giocando con il tema ne indebolisce l’esito. Ma non c’è da temere: si tratta pur sempre di una commedia, e dunque tutto è bene quel che finisce bene.

Alberto Bordin

Tag:, , , , , ,